home   english    

Trieste Contemporanea: dialoghi con l'arte dell'europa centro orientale
 
il dicembre di squeeze it
la serata finale e gli altri appuntamenti del concorso 2018

dal 13 dicembre 2018 al 15 dicembre 2018

 



SQUEEZE IT 2018
TERZA EDIZIONE
CONCORSO EUROPEO PER GIOVANI ARTISTI UNDER 30
ALL'INCROCIO DI TEATRO, ARTI VISIVE E TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE
promosso da Associazione L'Officina-Trieste, Studio Tommaseo-Trieste e Trieste Contemporanea
con il patrocinio dell'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica Silvio D'Amico-Roma
con il sostegno della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia
in partenariato con ArtSpace-Venezia, Etrarte-Udine, Institute for Contemporary Art-Zagreb, Vitamins of Society-Graz, vivacomix-Pordenone 
PREMIO FRANCO JESURUN 2018
TRIESTE, 13-15 DICEMBRE 2018


 
 
Si concentrano per la scena di un piccolo spazio le visioni di tre giovani gruppi di artisti che arrivano da Spagna, Ungheria e Italia per vincere il PREMIO FRANCO JESURUN 2018. Parte dal 13 dicembre a Trieste un programma di eventi che concludono la terza edizione del Concorso SQUEEZE IT. Concorso che consegnerà al vincitore un titolo spendibile nel prossimo maggio con uno dei più grandi artisti europei della scena internazionale. Quest’anno sarà il polacco Mirosław Bałka il guest director dell’opera di videoarte che il giovane artista vincitore realizzerà a partire dalla rappresentazione teatrale che ha voluto candidare. 
L’opportunità di avere un mentore d’eccezione ha spinto un numero di artisti under 30 provenienti dai paesi della Comunità Europea e dall’Europa dell’Est raccolta attorno all’Iniziativa Centro Europea a rispondere alla originale e stimolante call lanciata da Trieste Contemporanea, assieme all’associazione L’Officina e allo Studio Tommaseo e con il sostegno della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia: fare incontrare le energie e i mezzi di tre ambiti della creazione artistica di oggi, del teatro, delle arti visive e delle tecnologie dell’informazione di nuova generazione. 
Come alla figura intellettuale visionaria e curiosa di futuro di Franco Jesurun, che conosceva bene sia il teatro che l’arte contemporanea sarebbe certamente piaciuto. 
 
I candidati finalisti – il gruppo Salvatore Cannova, Clara Ingargiola e Valentina Ghelfi; Antonio Mayor Rey; il gruppo di studenti ungheresi capitanato da Lilla Tóth – gareggeranno la sera del 15 dicembre allo Studio Tommaseo di Trieste (via del Monte 2/1, inizio ore 20), ma saranno accolti dagli organizzatori già qualche giorno prima per partecipare ad una densa tre giorni di workshop con esperti eccellenti del FVG – tra di essi direttori di istituzioni, docenti universitari, artisti visivi, curatori, registi, videomaker, attori, scenografi, musicisti, designer, consulenti e professionisti della comunicazione. I giovani ospiti potranno anche visitare alcuni dei centri più vitali di produzione di contenuti culturali e formativi del territorio – in un itinerario che comprende il Museo Revoltella, il Conservatorio di Musica, il Porto Vecchio (con un nuovissimo centro operativo ESOF2020), ed altro ancora. Per svelare i progetti definitivi per la competizione finale, nella mattina di sabato (ore 11.30) il workshop si aprirà infine al pubblico online, grazie alla diretta radiofonica condotta da Roberto Paci Dalò per usmaradio, radio dell’Università di San Marino.
 
I giovani concorrenti SQUEEZE IT saranno anche seduti in prima fila allo spettacolo previsto la sera precedente (venerdì 14 dicembre, sempre allo Studio Tommaseo e alle 20). Conosceranno i loro colleghi, altrettanto giovani e under 30, invitati da Christian Sinicco al primo episodio di THE QUIPPS. ACCELERATORI DI POESIA. Sarà questa una prova del tutto inedita a Trieste di “sfondamento” delle barriere classiche della poesia, secondo l’uso in voga tra i giovani poeti di presentare le loro nuove produzioni letterarie in forma di performance, “tra il suono e le immagini degli strumenti tecnologici e il rapporto con la voce… che hanno il compito di innovare il linguaggio”, come ci dice il curatore, che propone quattro autori scelti nella direzione in cui si muovono le iniziative di Trieste Contemporanea: i contatti con l'Europa centrale. Dall'Austria viene Yasmo, rapper famosa anche per la sua partecipazione ad Austria’s Got Talent. Dalla Slovenia Eva Kokalj, che lavora tra il video e la scrittura teatrale. Sono invece italiani Marco Gorgoglione, poeta lucano che presenta una performance vocale, e il duo Gabriele Stera–Martina Stella, che lavorano tra video art, poesia e musica elettronica.
 
Nel palinsesto 2018 pensato dagli organizzatori anche la prima visione del video "Thyméle 1" realizzato con la guida del grande videomaker croato Dalibor Martinis dal vincitore della scorsa edizione, il belga Bastien Poncelet, (14 dicembre, ore 19.30); la proiezione della videoclip "Untitled (Soloshow)" della giovane francese Claire Froës che dalla votazione del pubblico in rete, appena chiusasi il 3 dicembre, è risultata vincitrice del Premio squeezeitonline 2018 (15 dicembre ore 19.50); la presentazione a cura di Michael Petrowitsch del catalogo, fresco di stampa, della mostra che l’Haus der Architektur di Graz ha dedicato alla città di Trieste per l’ “Architektursommer 2018” includendo tre artisti triestini e il progetto Harbour for Cultures di Trieste Contemporanea (15 dicembre ore 19.30).