home   english    

Trieste Contemporanea: dialoghi con l'arte dell'europa centro orientale
 
videospritz triestecontemporanea
con neva lukić e sara rajaei

proiezione dei corti:
The motel in the well di Sara Rajaei & Neva Lukić, 2016, 23'04''
A composition in blue, red & other colors di Sara Rajaei, 2017, 15'34''
conversazione tra Neva Lukić e Sara Rajaei

Trieste, Studio Tommaseo (via del Monte, 2/1)
giovedì 28 marzo 2019 alle ore 18.30


Sara Rajaei & Neva Lukić, still dal film The motel in the well, 2016

Saranno l’artista Sara Rajaei e la curatrice e scrittrice Neva Lukić le protagoniste della serata di Videospritz, l’appuntamento con la videoarte di Trieste Contemporanea, in programma giovedì 28 marzo alle 18.30 allo Studio Tommaseo.

The motel in the well è un breve film sperimentale sulla vita delle migrazioni e dell'esilio. Un fiume riunisce e anche separa le persone, crea confini emotivi e fisici tra paesi e tra persone. L'acqua scorre attraverso le vene della terra, attraversa i rifugi interni, tocca le radici degli alberi, raggiunge i boschi, e poi il motel.. Lì i ricordi di un padre e della figlia continuano a vivere.
Seguirà la proiezione di A composition in blue, red & other colors. Il protagonista è alla ricerca di una voce per i ricordi di un mondo ostile che non può essere raccontato. In un viaggio attraverso il tempo, tra schemi ripetitivi di scomparsa e silenzio, il ricordo si srotola vicino a un fiume senza nome..

Al termine le due ospiti discuteranno del loro comune interesse per la scrittura, il cinema e le arti visive, soffermandosi sulle loro differenti esigenze creative. Neva Lukić e Sara Rajaei lavorano insieme dal 2011 e hanno all’attivo numerose collaborazioni in cortometraggi/installazioni video e in varie mostre, presentazioni e workshop.

 

Neva Lukić curatrice e scrittrice, vive tra Croazia e Paesi Bassi. Ha pubblicato libri di poesie e racconti. Si interessa all'approccio interdisciplinare di un testo, dando vita a diverse collaborazioni artistiche.

Sara Rajaei è una videoartista di origine iraniana che vive nei Paesi Bassi. La sua ricerca indaga la nozione di tempo in relazione alla psicologia della memoria, alla storia orale, alle tecniche narrative, allo spazio e all’assenza. La sua opera artistica consiste principalmente in cortometraggi ed installazioni video che mescolano narrazione e immaginario.

 

L’evento è supportato da:
CBK Rotterdam (Centre for Visual Arts Rotterdam)