notizie

2 giugno 2016

il progetto à la frontière…! a belgrado

la nuova tappa dopo lo studio tommaseo

 

Gallery Podroom – Cultural Centre Belgrade
inaugurazione giovedì 2 giugno 2016 alle ore 20.00

Programma:
20.00 – proiezione del film Silent War in Beqaa Valley, film documentatrio di Samir Mahanović
20.30 – conversazione sul progetto e la mostra con Gabriella Cardazzo, Giuliana Carbi, Leon Tarasewicz, moderato da Zorana Đaković, coordinatrice del programma della Galleria Podroom
21.00 – performance concerto/musica di Giovanni Floreani – musica dalle linee di confine, Strepitz open project

Il progetto di Trieste Contemporanea À la Frontière…! Old and New Borders in Europe sbarca a Belgrado, nella sua prima tappa “fuori porta” nell’Europa centro orientale. Risultato della continuità ed espressione del consenso del lavoro svolto all’estero dal comitato triestino, apre il 2 giugno la mostra nella capitale serba di questo stimolante progetto “aperto”, curato da Gabriella Cardazzo e Giuliana Carbi Jesurun a partire dalla famosa frase di Tadeusz Kantor, che a Belgrado, avendo a disposizione i 200 metri quadrati della Galleria Pordroom del Cultural Centre, riunisce tutte le 5 stazioni di À la Frontière…! già presentate nel primo trimestre 2016 allo Studio Tommaseo di Trieste e aggiunge i lavori di Laure Keyrouz (Libano) & Angelo Ricciardi (Italia) e di Dušan Radovanović e Aleksandar Zograf (Serbia).
 
La collaborazione con il Centro Culturale di Belgrado, una delle realtà in Serbia più attive e attente alla scena contemporanea internazionale dell’arte, avviene grazie al partenariato di questa istituzione nel network Continental Breakfast creato da Trieste Contemporanea nel 2003. Le attività di questo gruppo di musei, istituzioni e organismi culturali dell’Europa dell’Est, che attualmente raccolgono partner di 9 paesi e di cui Trieste Contemporanea è project leader, avevano avuto il loro debutto proprio a Belgrado, nel 2004, quando Continental Breakfast fu il tema della 45esima edizione dell’October Salon, storico punto di riferimento per la scena artistica serba fondato nel 1960. Allora, grazie alla curatrice del network Continental Breakfast Anda Rottenberg, il Salon cambiò il corso della sua storia e si aprì alle presenze artistiche internazionali, diventando una delle più importanti rassegne dell’arte contemporanea presenti nei Balcani, da allora di riferimento internazionale. 

La mostra di Belgrado, che si potrà visitare fino al 25 giugno, raccoglie le opere visive e musicali di Karolina Cicha, Krzysztof Czyzewski, Wieslaw Szuminski & Kuba Kossak, Grzegorz Dabrowski, Giovanni Floreani, Laure Keyrouz & Angelo Ricciardi, Predrag Marić, Samir Mehanović, Lada Nakonechna, Dušan Radovanović, Tomaś Rafa, Leon Tarasewicz, Arturas Valiauga, Aleksandar Zograf: una sintesi di proposte provenienti da  Bosnia e Erzegovina, Croazia, Italia, Libano, Lituania, Polonia, Serbia, Slovacchia e Ucraina che affronta il tema del confine. La linea della frontiera, intesa non solo come confine tra stati e popoli diversi, e il contrasto tra l’istituzione del confine e l’istituzione della cittadinanza, vengono raccontati nelle opere artistiche e musicali degli artisti selezionati: “micro-storie” che parlano di identità e margini fisici e politici, del dentro e del fuori dai limiti.

À la Frontière…! Old and New Borders in Europe è una produzione Trieste Contemporanea e ArtSpace e si svolge nell’ambito delle attività Continental Breakfast grazie al sostegno dell’Ambasciata della Repubblica di Lituania in Italia e dell’Istituto di Cultura Lituano, di Culture.pl e dell’Istituto Polacco di Roma, della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, della Città di Belgrado e del Cultural Centre di Belgrado.

 
PRESS KIT

À la Frontière…! Old and New Borders in Europe
periodo di apertura: dal 2 al 25 giugno, 2016
sede della mostra: Cultural Centre of Belgrade – Gallery Podroom, Republic Square 5/-1 e/o Knez Miahilova 6/-1, Belgrado, Serbia
artisti: Karolina Cicha, Krzysztof Czyzewski, Wieslaw Szuminski & Kuba Kossak, Grzegorz Dabrowski, Giovanni Floreani, Laure Keyrouz & Angelo Ricciardi, Predrag Marić, Samir Mehanović, Lada Nakonechna, Dušan Radovanović, Tomaś Rafa, Leon Tarasewicz, Arturas Valiauga, Aleksandar Zograf
orari: dal lunedi al sabato, dalle 12.00 alle 20.00 – domenica chiuso
ingresso libero

info:
info@triestecontemporanea.it
www.kcb.org.rs